Eli Stone

By Stefano

Tempo di lettura: 1.30 minuti

Oggi voglio andare controcorrente e non parlare delle solite Serie Tv che hanno avuto un impatto mediatico importante e sono state enfatizzate e portate come punto di riferimento nella loro rispettiva categoria. 

La serie che vorrei tentare di raccontare si basa su un concetto predominante: l’emozione. 

Perché a distanza di anni dalla visione di questa serie composta solamente di 2 stagioni per un totale di 26 episodi rimane in me un senso di felicità e di appagamento per averla vista. 

Proverò a spiegare i motivi attraverso la recensione della storia dell’ avvocato di successo Eli Stone,   interpretato da un attore che per il sottoscritto è davvero  valido e duttile ovvero Jonny Lee Miller, famoso soprattutto per la parte interpretata nel capolavoro “Trainspotting” (Sick Boy) ma anche per aver rivisitato il personaggio Sherlock Holmes in chiave moderna e per la serie di successo “Elementary”. 

Eli Stone lavora in uno degli studi legali più importanti di San Francisco. Spietato e cinico, è un avvocato che vuole solo ottenere risultato. Lavora con la fidanzata  per il futuro suocero interpretato da Victor Garber (Alias, Titanic). Dopo aver sperimentato una serie di strane allucinazioni, compresa la visione della Popstar George Michael (che interpreta se stesso e compare nell’8° e 9° episodio), il protagonista comincia seriamente a preoccuparsi. 

Queste visioni non solo non migliorano, ma sono sempre più frequenti e si differenziano dal semplice sentire musica (Es. Faith) a vere e proprie visioni di George Michael o di persone che cantano e ballano nei momenti e nei luoghi più impensabili. 

In seguito a queste visioni che pregiudicano il suo rendimento lavorativo e i suoi rapporti personali  Eli chiederà aiuto al fratello Nathan, interpretato da Matt Letscher (Boston Legal), che da Neurologo gli prescrive una serie di esami che porteranno Eli a scoprire di avere un aneurisma non operabile spingendolo  a cambiare radicalmente il  modo di approcciarsi alla vita e alle cause da seguire nel lavoro. Comincerà a dedicarsi anima e corpo alla difesa dei più deboli. 

Forse vi state chiedendo. E io dovrei vedere questa serie? Che trama debole, che contenuti leggeri. 

La risposta che vi posso dare è si assolutamente si.  Eli Stone è emozione pura e vi insegnerà a capire il valore delle cose e del tempo a disposizione nella vita.

Perchè guardarla

  • Jonny Lee Miller e Victor Garber. 
  • Eccentrica e unica nel suo genere. 
  • Bella musica grazie a George Michael. 
  • Emozionante. 
  • Intensa e di solidi valori. 

Perchè non guardarla

  • Dura solo 2 stagioni.
  • Non vi piacciono le serie basate su avvocati e processi. 

Curiosità: Durante la messa in onda di una puntata L’American Academy of Pediatrics chiese la cancellazione della serie a seguito di un episodio dove Eli faceva ottenere un rimborso milionario a un bambino  divenuto autistico dopo la somministrazione di un vaccino. 

Voto: 8

Link del Trailer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *